Sci

Finalmente sono andato a sciare. La stagione è praticamente finita ma io solo ieri ho avuto modo di andare a sciare.

Era dall’11 gennaio 2003 che non mettevo gli sci e considerando che ho interrotto perché sono stato investito direi che sono soddistatto della mia prestazione. Solo sono lento ed eccessivamente prudente, dovrei sciare di più e osare qualcosina di più, per il resto faccio sempre gli stessi errori.

Devo pubblicamente ringraziare i miei colleghi che mi hanno tenuto compagnia e sopportato le lunghe attese a cui li ho obbligati essendo io l’ultima ruota del carro.

python e la generazione di pacchetti ethernet

Ieri parlavo cun una collega della necessità di spegnere e riaccendere da remoto dei PC, lei mi ha ricordato il wake on LAN.

Allora oggi mi sono messo a giocare con python e dnet (non ha niente a che vedere con DECnet). dnet non è stata la prima scelta ho provato anche ad usare libpcap attraverso pycap. Io non volevo usare UDP e non fare un pacchetto broadcast ma spedire il magic packet diretto al MAC del PC da accendere.

Alla fine ecco un primo embrione di programma per spedire un magic packet, via ethernet. Tutto è ancora cablato nel codice ma domani conto di dare anche un’interfaccia grafica al coso e magari renderlo anche un pochino più pythonico.

#!/usr/bin/env python
import dnet
import binascii

datalink = dnet.eth('wlan0')
dst = '0000e250e2bc'
src = binascii.b2a_hex(datalink.get())
data = ''.join(['FFFFFFFFFFFF', dst * 16])
ASCIIpacket = ''.join([dst, src, '0842', data])
packet = binascii.a2b_hex(ASCIIpacket)
print 'Sending wake on LAN pachet to %s' % (dst)
datalink.send(packet)

PS: quando mi dicevano che python è potente non pensavo tanto. In C avrei scritto il triplo per arrivare a fare la stessa cosa.

Brevetti software

Ahime la direttiva è passata e anche in Europa è possibile brevettare il algoritmi, interfacce grafiche e quant’altro. Io mi domando una cosa semplice: ma perché quando acquisiamo qualcosa dagli Stati Uniti prendiamo sempre il peggio?

udev/hotplug/ipw2200

Da oggi, non si sa perché, forse per aver aggiornato udev/hotplug la scheda wireless non funzionava più commentando una riga dello script di avvio di udev in cui appare udevsend e riavviando hotplug e udev tutto si è rimesso a funzionare. Grazie a Marco D’Itri che nel suo modo criptico mi ha aiutato.

Nel frattempo ho scoperto quanto è utile snapshot.debian.net, basta leggere con attenzione la prima pagina per scoprire come trovare un pacchetto di una certa data, cercando su debian si scopre anche la data da cercare.

Monografia sul software libero

Oggi ho iniziato a scrivere una monografia sul software libero che dovrà essere pubblicata su una rivista che la ditta per cui lavoro distribuisce ai suoi clienti. Spero con questa di poter diffondere un po’ di cultura sull’argomento nei laboratori di analisi a cui è destinata sta cosa.

Ieri

Dopo il giovedì passato a casa causa neve ieri sono andato in ufficio. Ho provato a mettere in moto l’auto ma c’era tanto ghiaccio sui vetri e tra le ruote e una neve durissima e compressa appena fuori il parcheggio che ho desistito e ho deciso di andare in treno e autobus.

Alla stazione Principe ci hanno fatto scendere tutti dal treno perché per Brignole ne partiva uno solo. Boh!!! Dopo di che un comodissimo autobus (comodissimo davvero vuoto come non capita quasi mai) mi ha portato fino a Struppa, sceso dall’autobus il delirio.

Nel chilometro di strada che separa la via Emilia con il mio ufficio c’erano: un camion che voleva fare manovra, cinque macchine impantanate senza catene, lo spazzaneve (che ha poi solo pressato meglio la neve), 5 persone che spalavano, alcuni che guardavano…

Io e il collega, che ho incontrato strada facendo, ci siamo messi a dare una mano ai cinque spalatori mentre continuavano le scene più esilaranti che uno possa immaginare. Un furgone, che doveva portare una bombola di ossigeno in una casa dietro l’ufficio, con le gomme con le catene ha fatto un buco nell’asfalto a forza di slittare, una collega ha chiesto di liberare alcune auto dalla neve per poi dirci che solo una sarebbe effettivamente uscita, auto e furgoni che continuavano ad andare avanti e indietro e così via, mentre noi continuavamo a spalare la neve che era diventata così dura da dover essere rotta con il piccone.

Il pomeriggio è stato un normale venerdì pomeriggio di partenze dei tecnici esterni e ricapitolazione della settimana.

Che bella la neve

Stamattina mi sono alzato che veniva una neve pazzesca le strade erano tutte bianche ma ero deciso ad andare ugualmente in ufficio. Ho preso il mio fido portatile, mi sono inbaccuccato e via a mettere le catene all’auto, del resto l’azienda mi ha dato l’auto e le catene per usarle. Mentre ero li incasinato ho ricevuto 7 telefonate, tra le parolacce alla fine ho desistito, ho pensato vado in treno e poi in autobus. L’ottava telefonata era il mio capo che mi diceva di starmene a casa. Meno male che ha deciso così perché sembra che Genova sia andata in tilt per 20/30 centimetri di neve, con solo 30 spazzaneve comunali in circolazione, treni con ritardi imprecisati, 250 autobus con le catene e un’infinit´ di idioti che viaggiando senza catene si sono messi di traverso per strada.
Su flickr trovate alcune foto fatte dalle finestre di casa.

Traduzione

Ho aggiornato le mie traduzioni. Ultimamente sto un po’ trascurando gnome, devo riprendermi il tempo.

Sabato è arrivato

Finalmente è arrivato il sabato. La settimana è stata abbastanza faticosa ma sicuramente produttiva. I due giorni passati a Roma e dintorni a intervistare clienti sono stati molto utili.
Oggi ho passato tutta la giornata a parlare/scrivere in inglese. Conversando usando IRC o vari IM mi trovo spesso nella condizione di non saper scrivere espressioni di uso comune nella lingua parlata.

A Roma per lavoro

Oggi sveglia all’alba. Il volo per Roma è partito con solo 10 minuti di ritardo ma arrivo in orario. Quindi tre incontri in serie a Marino, Velletri e infine Latina, puff puff… stancano le riunioni, ma sono soddisfatto di vedere che le mie idee non erano così peregrine. Cominciano a prudermi le mani… codice in arrivo.

Blog aggiornato

Ho aggiornato a WordPress 1.5. Non è stato facile perché non mi funziona più sitecopy e con cadaver so come aggiornare le directory ricorsivamente. Ho seguito il semplice howto che si trova sul wiki dei wordpress.

Finalmente il fine settimana

Non vedevo l’ora che arrivasse il fine settimana. In questi due giorni devo riprendere energie e fare un sacco di cose. Speriamo che vada tutto bene. Tra le cose da fare c’è aggiornare p4a, creare un DB, installare un po’ di cosette sul portatile aziendale, studiare python e gtk.

emacs

Oggi preso da desiderio di complicarmi la vita ho deciso di installare emacs da sorgenti, volevo provare la versione con gtk. Sorprendentemente ha funzionato tutto alla prima, tra l’altro potrebbe convivere senza problemi con emacs da pacchetto visto che si mette in /usr/local/bin invece di /usr/bin.

Volevo complicarmi la vitra e invece è stato tutto facilissimo.

Medion ultra piccolo e GNU/Linux

Ieri sera alla ormai abituale riunione del mercoledì del GLUG è arrivata Laura con un minuscolo portatile da borsetta su cui voleva a tutti i costi GNU/Linux. Laura pur non essendo un informatica è allergica al software proprietario.

Il portatile è un Medion (pagina in tedesco).

In effetti sul portatile c’era già Mandrake 10.1 ma X non partiva correttamente, dopo alcune prove siamo riusciti a far vedere qualcosa ma solo nella parte centrale del video. Allora abbiamo provato con un Ubuntu Live e meraviglia delle meraviglie la scrivania di GNOME è apparsa subito dopo il boot. A questo punto abbiamo deciso di procedere all’installazione di Ubuntu. Tutti felici abbiamo riavviato e atteso il login grafico di gdm ma nulla: schermo orribilmente bianco. Allora, su suggerimento di Marco abbiamo riavviato Ubuntu Live e copiato /etc/X11/XF86Config-4 della distro live su disco. Incredibile, ora X funziona. Rimangono da sistemare la rete wireless e alcune altre cosette ma Laura e Lello avranno da divertirsi per un po’.

Debian su Debain M30X-159

Ieri è arrivato il portatile che sostituirà nel mio lavoro quotidiano il Fujitsu-Siemens C1020 è un Toshiba M30X-159 basato su centrino. Dato che non resistevo ieri sera ho messo su Debian dopo aver titubato un po’ perché in effetti Ubuntu riconosceva la scheda ipw2200 già durante la procedura di installazione. Alla fine ho deciso per Debian e così eccola li.
Nei prossimi giorni quando funzionerè veramente tutto compreso ACPI/APM e software suspend, documenterò tutto per benino. Oggi già la scheda wireless ha funzionato quasi alla prima.

Che bella giornata

Oggi ho passato una bella giornata lontano dal PC, il tempo non era di quello che invoglia a uscire ma la riviera di levante è veramente bella. Rapallo, Santa Margherita, Portofino un bel giretto da turisti ogni tanto non guasta.

Agire di impulso

Non è da me ma ho agito di impulso e ho chiesto di convertire la traduzione del nuovo installer a master file da tanti file distinti senza sentire il parere degli altri traduttori. Se lo avessero fatto a me non mi sarebbe piaciuto per nulla.
Penso che con un unico file si possa migliorare la traduzione, ridurre le incogruenze tra i messaggi che magari in inglese sono identici ma diversi traduttori hanno tradotto in modo differente. Resta il fatto che non mi sono coordinato con gli altri, ora che ho fatto la frittata vorrei avere le uovo intere.